Quando Baiano divenne capoluogo di circondario #2

Cliccare sui pulsanti sotto per condividere. GRAZIE !

 

Il palazzo municipale di Baiano in una immagine degli inizi del Novecento.

 Negli anni fra il 1806 e il 1815, «tra i più sconvolgenti e drammatici della storia del Regno di Napoli» (P. Villani), sotto l’impulso dei due sovrani imposti da Napoleone – Giuseppe Bonaparte (dal 1806 al 1808) e Gioacchino Murat (dal 1808 al 1815) – furono realizzate nell’arretrato regno meridionale profonde e decisive trasformazioni dell’ordinamento statale, quali l’abolizione della feudalità, la riforma delle amministrazioni locali e l’istituzione dell’imposta fondiaria, rimaste sostanzialmente in vita anche con il ritorno, nel 1815, della monarchia borbonica.

In particolare, la riforma delle amministrazioni locali, varata con legge 8 agosto 1806, riorganizzò il territorio del Regno in tredici province, a loro volta divise in distretti e riformò completamente la struttura rappresentativa delle comunità locali.

Con successiva Legge del 19 gennaio 1807, le ‘università’ (cioè le comunità locali) del Regno di Napoli furono, inoltre, aggregate in circondari, a ciascuno dei quali fu dato «il nome  di quel luogo, ch’è il primo nel numero delle università, ch’esso comprende, e questo sarà la sede del giusdicente».

In base a tale legge, anche le università delle ex baronie di Avella e di Mugnano, vale a dire Avella, Baiano, Sirignano, Quadrelle e «Mognano, e Cardinale» e con la strana aggregazione dell’università di Gallo, furono costituite in circondario con capoluogo Avella e furono incluse nella provincia di Terra di Lavoro.

Quattro anni dopo, con il decreto «per la nuova circoscrizione delle quattordici provincie del regno di Napoli» (n. 922 del 4 maggio 1811), la struttura del circondario di Avella subì due sostanziali modifiche: il distacco di Gallo (contestualmente accorpato al circondario di Tufino) e lo spostamento del capoluogo da Avella a Baiano, che fu deciso sia per la posizione centrale di Baiano nel contesto territoriale (che la rendeva più agevolmente raggiungibile dai vari paesi del circondario), sia per la sua collocazione sul tracciato dell’importante arteria di collegamento, indicata all’epoca come Strada Regia di Puglia (oggi denominata Strada Statale 7 bis).

Da quel momento, il nuovo circondario di Baiano, compreso nel neocostituito distretto di Nola e nella tradizionale provincia di Terra di Lavoro (con capoluogo Capua) fu formato dai ‘comuni’ (nuovo nome dato alle precedenti ‘università’) di Baiano, Avella (di cui faceva ancora parte Sperone, divenuto Comune solo nel 1837), Sirignano, Mugnano del Cardinale (di cui fu definitivamente codificato il toponimo, tuttora in vigore) e Quadrelle, con una popolazione complessiva di circa tredicimila abitanti, dediti – come in gran parte delle zone interne del Regno di Napoli – soprattutto all’agricoltura ed alle attività silvo-pastorali, con un livello di vita che rimase notevolmente precario, tranne che per il ristretto ceto dei possidenti e dei professionisti.

Nel 1861, a seguito dell’Unità d’Italia, il territorio del circondario di Baiano rimase invariato ma  – con la nuova definizione di ‘mandamento’ – fu staccato dalla provincia di Terra di Lavoro ed aggregato alla provincia di Principato Ultra (con capoluogo Avellino).

Bibliografia

A. Lepre, Studi sul Regno di Napoli nel Decennio francese (1806-1815), Napoli 1985.
P. Villani, Il Decennio Francese, in Storia del Mezzogiorno, IV/II, Il Regno dagli Angioini ai Borboni, Roma 1986.
P. Colucci, Il «circondario» di Baiano agli inizi dell’Ottocento, Aversa 2007.


TUTTI GLI ARTICOLI DEL PROF. PASQUALE COLUCCI

 

Leggi altre notizie...

Email fraudolente che chiedono pagamenti per evitare procedimenti penali o multe. Non pagate e denun...
utile
ULTIM'ORA: Forti scosse nei Campi Flegrei; le ultime di magnitudo 3,5 e 4,4. Domani scuole chiuse a ...
0
A San Gennaro Vesuviano (Na) si inaugura la scultura "San Gennaro Protettore" del Maestro mugnanese ...
Flash-News
Marzano di Nola (Av) - I ragazzi dell'alberghiero impegnati nel progetto "Azione contro la fame" a b...
Flash-News
Al controllo dei Carabinieri fornisce le generalità del fratello gemello: arrestato un 36enne
Flash-News
Avellino - Principio d'incendio in Corso Vittorio Emanuele, forse generato da un corto circuito, pro...
Flash-News
Montevergine di Mercogliano (Av) - Si è concluso il Giubileo Mariano per il IX centenario della fond...
Flash-News
Morra de Sanctis (Av) - Anziano investito dalla sua stessa auto tratto in salvo dai Carabinieri
0
Gli uomini del CNSAS sono intervenuti questa notte per soccorrere una persona dispersa a Gragnano (N...
Flash-News
Wangiri o “Truffa dello squillo telefonico”: come evitare di cascarci e chi è responsabile dei danni...
utile
Inaugurata presso il Museo diocesano di Nola la mostra temporanea di opere d'arte dal titolo: «Non v...
Flash-News
Conosciamo la Necropoli sannita di Carife (Av), tra i siti di maggiore interesse archeologico della ...
Flash-News
Cimitile (Na) - Il Festival della Letteratura per Ragazzi Campania Felix conclude con successo la su...
Flash-News
Comunali di Avellino - Nargi, bagno di folla e grandi ovazioni per la presentazione: «Serata da briv...
Flash-News
Progetto “Squadra Mobile”. Contrasto al fenomeno dell’illecito stoccaggio e smaltimento di rifiuti.
Flash-News
Mugnano. Rione Cardinale. La tradizionale festa di San Liberatore.
Flash-News