Campi Flegrei – Qualcosa sta cambiando nell’area del pericoloso supervulcano campano. Le ultime notizie e i link ai nostri articoli di approfondimento.

PROSEGUONO SUL NOSTRO GIORNALE GLI AGGIORNAMENTI DELLA SITUAZIONE IN COSTANTE EVOLUZIONE

Cliccare sui pulsanti sotto per condividere. GRAZIE !

I nostri precedenti articoli:
Art-1
Art-2
Art-3

Le ultime ipotesi:

Secondo una nuova ricerca condotta dall’University College di Londra (UCL) e dall’Istituto nazionale di ricerca italiano per la geofisica e la vulcanologia (INGV), il supervulcano dei Campi Flegrei nell’Italia meridionale si è indebolito, aumentando la probabilità di un’eruzione. Utilizzando un modello innovativo che analizza i modelli dei terremoti e il sollevamento del suolo, lo studio peer-reviewed, pubblicato sulla rivista Nature’s Communications Earth & Environment, ha scoperto che alcune parti del vulcano sono state allungate fino al punto di una potenziale rottura. Tuttavia, i ricercatori sottolineano che sono necessarie ulteriori indagini per prevedere con precisione il verificarsi di un’eruzione. Il vulcano dei Campi Flegrei mostra segni di disordini da oltre 70 anni, con periodi di intensa attività negli anni ’50, ’70 e ’80, seguiti da una fase più lenta di disordini nell’ultimo decennio. Durante questi periodi si sono verificati decine di migliaia di piccoli terremoti e la città costiera di Pozzuoli ha subito un sollevamento di quasi 4 metri (13 piedi), equivalente all’altezza di un autobus a due piani. Lo studio ha utilizzato un modello sviluppato presso l’UCL per valutare la fratturazione del vulcano. Analizzando i modelli dei terremoti e il sollevamento del suolo, i ricercatori hanno concluso che alcune sezioni del vulcano si stanno avvicinando al punto di rottura. Il professor Christopher Kilburn, autore principale ed esperto di scienze della Terra dell’UCL, ha spiegato che mentre lo studio conferma che il vulcano dei Campi Flegrei si sta avvicinando alla rottura, non garantisce un’eruzione. “La rottura può aprire una crepa attraverso la crosta, ma il magma deve ancora essere spinto verso l’alto nel punto giusto affinché si verifichi un’eruzione”, ha spiegato. “Questa è la prima volta che applichiamo il nostro modello, che si basa sulla fisica di come le rocce si rompono, in tempo reale a qualsiasi vulcano. Questo studio rappresenta la prima applicazione del modello in tempo reale a un vulcano attivo. Il professor Kilburn ha evidenziato l’accuratezza del modello, in quanto prevedeva correttamente il crescente numero di piccoli terremoti associati ai disordini dei Campi Flegrei. Verranno ora apportati aggiustamenti per migliorare le stime della probabilità che si formino nuove rotte affinché il magma o il gas raggiungano la superficie. Il dottor Nicola Alessandro Pino dell’Osservatorio Vesuviano, in rappresentanza dell’INGV a Napoli, ha sottolineato lo stato di indebolimento del vulcano. Nonostante le sollecitazioni minori rispetto all’ultima grande crisi di 40 anni fa, parti del vulcano stanno diventando più vulnerabili alla rottura. I Campi Flegrei sono unici in quanto non assomigliano a un tipico vulcano. Invece di formare una montagna tradizionale, assume la forma di una dolce depressione che si estende per 12-14 chilometri (7,5-8,5 miglia), nota come caldera. Questa struttura unica ha portato alla creazione di una comunità di 360.000 persone sulla sua superficie. Negli ultimi dieci anni, il terreno sotto Pozzuoli si è gradualmente alzato a una velocità di circa 10 centimetri (4 pollici) all’anno. Inoltre, dalla metà degli anni ’80 è stato registrato un numero significativo di piccoli terremoti, con aprile che ha registrato il conteggio mensile più alto di oltre 600. Questi disturbi sono attribuiti al movimento di fluidi a circa 3 chilometri (2 miglia) sotto la superficie, probabilmente includendo roccia fusa (magma) e gas vulcanico. La fase in corso di disordini sembra essere guidata dal gas magmatico che filtra nelle fratture rocciose, permeando la crosta spessa 3 chilometri. I terremoti derivano dallo scivolamento delle faglie dovuto allo stiramento della crosta. L’analisi dei modelli dei terremoti del 2020 suggerisce che la roccia mostra un comportamento anelastico, rompendosi piuttosto che piegandosi. La dott.ssa Stefania Danesi dell’INGV Bologna ha evidenziato la sfida di decifrare le attività sotterranee e la dipendenza dall’interpretazione degli indizi forniti dal vulcano, come i terremoti e il sollevamento del suolo. I ricercatori hanno sottolineato che i disordini osservati dagli anni ’50 hanno effetti cumulativi. Di conseguenza, un’eruzione può essere preceduta da indicatori più deboli, come un ridotto tasso di sollevamento del suolo e un minor numero di terremoti. Gli scienziati hanno concluso che l’attuale resistenza alla trazione dei Campi Flegrei è circa un terzo di quella che era nel 1984. I ricercatori hanno sottolineato che un’eruzione non è inevitabile. Il Dott. Stefano Carlino dell’Osservatorio Vesuviano ha spiegato che, come altri vulcani rimasti dormienti per generazioni, i Campi Flegrei potrebbero stabilire un nuovo modello di lieve sollevamento e abbassamento o tornare a uno stato di riposo. La preparazione per tutti i possibili risultati è fondamentale.

Leggi altre notizie...

La Campania in mostra alla 56esima edizione di Vinitaly: un focus sull’enoturismo
Flash-News
Sciame sismico nei Campi Flegrei: un risveglio che scuote Napoli
Campania
Il "Giro Mediterraneo in Rosa" passerà anche per Nolano, Baianese, Monteforte, Forino, Mercato Sanse...
Flash-News
Reati ambientali - Divieto temporaneo di attività imprenditoriale. Sequestro preventivo di terreno e...
Flash-News
ARPAC- Qualità del mare: riparte il monitoraggio in Campania
Ambiente e Territorio
A Cervinara (Av) la prossima presentazione del libro "I Cattolici e la questione politica" del Prof....
Amico libro
Sequestrate 1.2 tonnellate di sigarette di contrabbando nell'area nord di Napoli
Flash-News
Grausedizioni a Napoli e a Nola con il racconto di Bruno Gaipa "La radio fa scuola"
Flash-News
Soccorso Alpino (CNSAS), Protezione Civile e Soccorso della GdF (SAGF) impegnati in una due giorni d...
Flash-News
60 milioni di euro in banconote false "made in Napoli" diffuse in tutta Europa!
Campania
Napoli, zona flegrea: operazione interforze ad alto impatto (con video dell'operazione)
0
Eboli (Sa) - Il suo "Tartufo Bianchetto di Pineta Costiera" ottiene il riconoscimento di "PAT" (Prod...
Ambiente e Territorio
Le Fiamme Gialle di Solofra, a conclusione di un'attività di indagine delegata dalla Procura irpina,...
Flash-News
Arrestato dalla Polizia Stradale di Avellino il presunto rapinatore-esibizionista che agiva ai casel...
Irpinia
Eccezionale afflusso di polveri sahariane: picchi di PM10 in Campania
Ambiente e Territorio
Operazione «Fuel family»: frode IVA su carburanti di 300 milioni di euro. Procura Europea e Guardia...
Flash-News