L’industria eolica europea: sfide e necessità di un intervento politico urgente.

Di Salvatore Guerriero, Presidente Nazionale ed Internazionale della CONFEDERAZIONE DELLE IMPRESE NEL MONDO - PMI INTERNATIONAL.

Cliccare sui pulsanti sotto per condividere. GRAZIE !

L’industria eolica europea sta affrontando una grave crisi, con il rischio di perdere i mercati interni ed esterni a favore della Cina. È necessario un intervento politico forte e veloce per salvaguardare questo settore chiave per la transizione energetica.

L’industria eolica europea, simile al settore fotovoltaico, è nata in Europa grazie a investimenti in ricerca e sviluppo, generosi sussidi e politiche abilitanti. Tuttavia, nonostante la transizione energetica in corso, le aziende eoliche europee stanno lottando con perdite record e ritardi nei progetti. Le catene di approvvigionamento sono state stravolte dalla pandemia, i prezzi delle turbine sono aumentati del 40% in due anni e alcuni governi stanno persino organizzando aste con offerte negative, mettendo ulteriormente a rischio il settore.

La Cina sta rapidamente diventando un leader nell’industria eolica, grazie a massicci sussidi, tecnologie casalinghe e collaborazioni governo-impresa che superano la velocità dell’Occidente. Attualmente, nove dei 15 principali produttori di turbine eoliche sono cinesi. Questo mette in pericolo la competitività delle aziende europee, che faticano a competere con i prezzi cinesi.

L’Unione Europea sta cercando di affrontare questa sfida aggiungendo criteri non basati sul prezzo al suo Net Zero Industry Act, ma la Commissione europea prevede deroge in caso di aumento dei prezzi superiori al 10%. Questa situazione mette in evidenza la necessità di un approccio politico più aggressivo.

Oltre alla questione economica, ci sono preoccupazioni per la sicurezza delle infrastrutture e dei dati sensibili. L’Europa rischia di perdere la sovranità sulla sua infrastruttura energetica, se dipende troppo dalle tecnologie cinesi.
Quindi si sottolinea la necessità di un forte intervento politico per affrontare queste sfide con tutti gli attori chiave del settore eolico per elaborare una soluzione concreta. È cruciale che questa iniziativa venga avviata dalla Commissione Europea nel ciclo legislativo attuale, prima delle elezioni del Parlamento europeo del giugno 2024, altrimenti il danno potrebbe essere irreparabile. Inoltre, la cooperazione tra Stati Uniti ed Europa potrebbe essere essenziale per competere con la Cina in questo settore.

L’industria eolica europea è in pericolo e richiede un intervento politico immediato per sopravvivere e prosperare. Il futuro della transizione energetica e della competitività europea è in gioco, e ritardare l’azione potrebbe portare a conseguenze irreparabili. La politica deve agire ora per salvaguardare questo settore cruciale.

Leggi altre notizie...